15 Luglio 2024
Milano, 26°

Esteri

Alzheimer, Fda approva nuovo farmaco ampliando opzioni terapeutiche

02.07.2024

Farmaco Eli Lilly denominato Kisunla per adulti con sintomi precoci

Roma, 2 lug. (askanews) – La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato Donanemab, il farmaco contro l’Alzheimer della Eli Lilly, ampliando le limitate opzioni terapeutiche per questa malattia devastante. L’agenzia ha approvato il trattamento, che sarà venduto con il marchio Kisunla, destinato ad adulti con malattia di Alzheimer sintomatica precoce. Lo riporta la rete televisiva Usa Cnbc.

Secondo l’Alzheimer’s Association, quasi 7 milioni di americani soffrono di questa condizione, la quinta causa di morte per gli adulti sopra i 65 anni. Entro il 2050, si prevede che questo gruppo aumenterà fino a quasi 13 milioni negli Stati Uniti.

È una vittoria tanto attesa per Eli Lilly dopo che donanemab ha dovuto affrontare ostacoli nel suo percorso verso il mercato. La FDA ha respinto l’approvazione del farmaco l’anno scorso a causa di dati insufficienti, per poi sorprendentemente ritardarla nuovamente a marzo. All’inizio di questo mese, un comitato consultivo dell’agenzia ha raccomandato la piena approvazione del trattamento, affermando che i benefici del trattamento superano i rischi.

Donanemab competerà testa a testa con un altro trattamento della Biogen e del suo partner giapponese Eisai chiamato Leqembi, che si è gradualmente diffuso negli Stati Uniti da quando ha ottenuto l’approvazione l’estate scorsa.

Donanemab e Leqembi – spiega Cnbc – rappresentano pietre miliari nel trattamento dell’Alzheimer dopo tre decenni di tentativi falliti di sviluppare farmaci in grado di combattere questa malattia mortale. Entrambi i farmaci sono anticorpi monoclonali che colpiscono le placche tossiche nel cervello chiamate amiloide, un segno distintivo dell’Alzheimer, per rallentare la progressione della malattia nei pazienti nelle sue fasi iniziali.

Secondo uno studio in fase avanzata, sempre riportato dalla Cnbc, il farmaco di Eli Lilly ha rallentato la progressione dell’Alzheimer del 35% in 18 mesi rispetto a un placebo. I pazienti sono stati in grado di interrompere il trattamento e passare a un placebo dopo sei, 12 o 18 mesi dopo aver raggiunto determinati obiettivi di eliminazione della placca amiloide.

Il farmaco, che viene somministrato tramite infusioni mensili, costerà circa 12.522 dollari per un ciclo di sei mesi, 32.000 dollari per 12 mesi e 48.696 dollari per 18 mesi. La copertura e il rimborso di Medicare sono disponibili per i pazienti idonei, ha affermato Eli Lilly. (immagine da profilo Linkedin Lilly)

Condividi