22 Luglio 2024
Milano, 26°

Politica

Meloni conferma aumento spese difesa, sostegno a Kiev mirato

11.07.2024

“Italia non sia sola sul fronte Sud, bene Rappresentante speciale”

Washington, 11 lug. (askanews) – Giorgia Meloni conferma che l’Italia incrementa, già nel 2024, le spese in difesa; ribadisce il sostegno a Kiev, che deve essere “mirato ed efficace”; rilancia la richiesta di un maggiore impegno della Nato sul fronte Sud. La presidente del Consiglio prende la parola al Vertice di Washington per spiegare la posizione italiana sui principali temi sul tavolo.

La premier elogia la Nato come l’Alleanza “più affidabile e coesa della storia” e oggi “ancora più che rispetto al passato, la nostra unità e la nostra determinazione sono i beni più preziosi che abbiamo, e su questo possiamo permetterci solo passi in avanti”. Per questo secondo la presidente del Consiglio occorre “concentrare” gli “sforzi” su alcune direttrici.

In primo luogo sostenere la “legittima autodifesa dell’Ucraina” e il “rispetto del sistema internazionale” senza il quale si crea il “caos”. In quest’ottica, assicura che il supporto italiano a Kiev “continuerà”, precisando che deve essere “mirato ed efficace” ed evitando “duplicazioni” tra Ue e Nato, perché altrimenti i costi potrebbero diventare difficilmente sostenibili per i bilanci degli Stati. Parole che forse sono anche un’indiretta risposta alla strategia di Matteo Salvini, che da tempo critica l’appoggio a Zelenksy. L’ultima volta ancora ieri, quando il vice premier ha espresso la convinzione che “più armi si inviano e più la guerra va avanti”.

In tema di costi e investimenti, negli ultimi anni – ha rilevato Meloni – sono stati fatti “progressi significativi” per rendere più equilibrata la condivisione degli oneri nell’Alleanza e l’Italia è “in grado di annunciare che la traiettoria della spesa per la difesa nel 2024 è in aumento”. La quota del 2% rispetto al Pil “è tra i nostri obiettivi, ma non è l’unico” perchè “dobbiamo anche lavorare a un’industria della difesa innovativa e competitiva”. In questo ambito, domani il ministro della Difesa Guido Crosetto firmerà insieme agli omologhi di Francia, Germania e Polonia una lettera di intenti sul programma Elsa (European Long-Range Strike Approach) per lo sviluppo congiunto e l’approvvigionamento di sistemi d’arma avanzati con gittata superiore ai mille chilometri. Sempre a proposito delle risorse, però, l’Italia chiede anche che sia considerato il contributo di uomini alle missioni internazionali perchè – ricorda la premier – da questo punto di vista “siamo uno tra i primissimi contributori dell’Alleanza”.

Meloni ricorda poi una delle priorità per il governo italiano, ovvero l’attenzione al fianco meridionale. Se infatti “noi siamo in prima linea” a difesa degli alleati orientali, “non possiamo essere lasciati soli nella difesa del fronte Sud” che è “ugualmente fondamentale”. Dunque la nomina di un Rappresentante speciale per il Sud (che la premier ha richiesto per l’Italia, anche parlandone con il prossimo segretario generale Mark Rutte) è “una buona notizia e un buon punto di punto di partenza” ma Roma “continuerà a lavorare affinché, nell’interesse di tutti, le nostre priorità siano adeguate a un mondo che sta cambiando”. A questo riguardo, a margine dei lavori Meloni incontra il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan con cui affronta il tema del “rafforzamento del coordinamento bilaterale all’interno dell’Alleanza atlantica in particolare rispetto al fianco Sud” e sui migranti.

Nella serata americana la presidente del Consiglio – con top e gonna longuette color champagne e sandali con tacco alto dorate – è alla Casa Bianca per il ricevimento offerto ai leader dal presidente americano Joe Biden.

Condividi