29 Maggio 2024
Milano, 18°

Architettura e Design, Cultura

Arrivano gli edifici per le bici, Ledger è il primo

17.04.2024

Spazio uffici ed eventi su sei piani a Bentonville in Arkansas. Una meraviglia architettonica, frutto della creatività,  costruita con l’obiettivo di mettere il benessere mentale e fisico degli impiegati al primo posto.

Dal primo all’ultimo piano lungo una rampa ciclabile. La nuova frontiera nell’immobiliare è Ledger, il primo edificio ciclabile al mondo che non poteva non essere costruito nella capitale mondiale del mountain biking. La città dove trova casa quella che è una meraviglia architettonica è Bentonville, in Arkansas, famosa anche per essere il luogo dove è nata Walmart Inc., proprietaria dell’omonima catena di negozi al dettaglio Walmart, fondata da Sam Walton nel 1962. L’Arkansas è inoltre lo stato che ha dato i natali all’ex presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton.

Ledger, alto sei piani, è un edificio a forma rettangolare adibito a spazio uffici e servizi, e chiunque ha la fortuna di lavorare per una delle tante aziende che lo occupano, può raggiungere l’ingresso del proprio ufficio pedalando. Qui ha trovato casa anche un’azienda italiana, ‘Vittoria’, con sede a Brembate, alle porte di Bergamo, e leader nella produzione di pneumatici per ciclismo su strada e pneumatici da montagna. A Bentonville è presente come Vittoria Industries North America Ltd.

Ledger, frutto della creatività e genialità degli architetti Michel Rojkind, Callaghan Horiuchi, e Marlon Blackwell, è stato costruito con l’obiettivo di mettere gli impiegati al primo posto, il loro benessere mentale e fisico. Tra le altre cose vengono offerte lezioni di gruppo di yoga. Non è solo un posto per una sede di lavoro, ma anche condivisione di spazi, arte, creatività, svago, in una parola, una “destination workplace”. Trovandosi nella capitale mondiale del mountain biking, e mecca in generale del ciclismo, la struttura ciclabile è stata naturalmente ispirata dalla cultura di Bentonville, una città che può vantare una rete di oltre 220 km di tragitti ad essa connessi. Il percorso verso la cima dell’edificio è lungo poco più di 1200 metri ed è piuttosto ripido. Quando si arriva sul roof top, si gode anche la vista spettacolare di altre edifici che sono di per sé opere d’arte.

Restando in tema di arte, a poco più di un km, connesso anche tramite un percorso ciclabile, si trova il Crystal Bridges Museum of American Art, un museo di arte contemporanea fondato dalla mecenate Alice Walton, ereditiera della famiglia Walton. Anche questa struttura, con oltre 15 mila mq di spazio espositivo, è una meraviglia architettonica. Si trova inserita sulla sommità di una collina attraversata da sentieri panoramici che si snodano tra la folta vegetazione di alberi. L’accesso è completamente gratuito e si va da un padiglione all’altro, in totale otto a forma ovoidale, attraversando specchi d’acqua artificiali con panorami aperti su tutto l’intorno. Il museo ha avuto il merito di aprire una finestra sul mondo dell’arte contemporanea nel cuore profondo dell’America.

Condividi