29 Maggio 2024
Milano, 19°

Politica

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

17.04.2024

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere

Bruxelles, 17 apr. (askanews) – Il giorno dopo il discorso di Mario Draghi a Bruxelles, con la richiesta di un “cambiamento radicale” dell’Unione europea, fa discutere la possibilità di un incarico di vertice – Consiglio europeo o Commissione – per l’ex banchiere centrale e primo ministro.

Per la verità l’interesse appare essere più in Italia che nella capitale belga, dove oggi si è aperto il Consiglio europeo straordinario. Anche i leader europei che ieri e oggi hanno commentato questa eventualità, infatti, lo hanno fatto sempre sollecitati da giornalisti italiani. È il caso, oggi, di Emmanuel Macron che ha parlato di un “amico formidabile, un amico immenso” un “grande presidente del Consiglio” anche se “è il giorno dopo” le elezioni europee “che si fanno le nomine”. Ed è il caso anche della premier estone Kaja Kallas, secondo cui è presto per parlare di nomi ma “Draghi mi piace molto”. Addirittura Viktor Orban, ieri, si era sbilanciato: “Mi piace Draghi. Lo rispetto, è una brava persona”. La verità è che, nelle cancellerie, se anche qualcuno ha accarezzato la possibilità, comunque le carte resteranno coperte fino all’ultimo momento per evitare di ‘bruciare’ il candidato, come sta avvenendo per Ursula von der Leyen, in grande difficoltà da quando ha incassato l’appoggio del Ppe come candidata per un nuovo mandato.

Ma in Italia il nome di Draghi scalda i partiti. “Mi auguro che abbia una funzione nell’Ue”, dice Arturo Scotto (Pd) mentre il leader di Azione Carlo Calenda assicura che “faremo di tutto perchè possa diventare presidente della Commissione europea o presidente del Consiglio europeo”. Nel centrodestra, dopo che ieri Ignazio La Russa aveva detto che “sicuramente ha i titoli per ambire a ogni ruolo”, oggi altri esponenti Fdi appaiono decisamente più ‘freddi’. “Personalmente – spiega il capogruppo alla Camera Tommaso Foti – ritengo che questa operazione di continuare a costruire un percorso politico sui giornali per Draghi sia solo negativa. I vari partiti europei hanno i loro candidati. Se iniziamo una campagna tutta italiana per Draghi secondo me stiamo sbagliando strada”. Per il ministro Francesco Lollobrigida “se ci sono stati errori nel passato e una persona intelligente come Draghi dice che bisogna cambiare rotta… Noi diciamo che l’Europa non si muoveva nella direzione giusta, altri dicevano che era tutto perfetto. Oggi tutti dicono che bisogna cambiare. Ne siamo felici”.

Chi alza un fuoco di sbarramento contro Draghi è Matteo Salvini. Il leader leghista non ne parla direttamente ma proprio oggi fa uscire anticipazioni del suo libro in cui parla dell’ex premier, con giudizi poco lusinghieri. Tra le altre cose scrive che Draghi “non fece assolutamente nulla di utile” per la pace fiscale ma sbagliò anche metodo, fin dall’inizio, perchè decise di “non condividere con i segretari dei partiti nemmeno la scelta dei ministri” e “non fu l’unico scivolone, perché nell’esecutivo che doveva essere dei migliori figuravano alcuni nomi francamente sconcertanti”. Per quanto riguarda Forza Italia, a parlare oggi è Licia Ronzulli: Draghi “ha ragione, c’è molto da cambiare. Perché l’Europa di questi anni è stata miope nei confronti di cittadini e risparmiatori, più attenta alla cieca inflessibilità che all’esigenza di crescita economica e sviluppo, disinteressata a problemi, come quello dell’immigrazione, che solo in apparenza sembrano locali, ma invece riguardano l’intera Unione. La Commissione nella prossima legislatura dovrà essere capace di porre al centro tutti gli obiettivi di crescita, sviluppo e reale coesione, che nel corso degli anni si sono persi per strada”.

Condividi