2 Marzo 2024
Milano, 9°

Spettacolo

I 20 anni de “La meglio gioventù”, festa al Cinema Troisi a Roma

28.11.2023

Il 3 dicembre incontro con il regista e il cast

Roma, 28 nov. (askanews) – Ha compiuto venti anni “La meglio gioventù”, il film di Marco Tullio Giordana divenuto simbolo di una generazione, trampolino di lancio di una serie di attori italiani che rappresentano oggi il cinema italiano nel mondo. Della durata complessiva di sei ore, nato per la televisione e inizialmente destinato al cinema, dopo il successo mondiale seguito al trionfo a Cannes, dove vinse nella sezione Un Certain Regard con un tripudio di applausi e standing ovation, uscì nelle sale in due parti, diventando un caso cinematografico in Italia e all’estero, e andò in in tv il 7, 8, 14 e 15 dicembre 2003.

Per celebrare il ventennale, il Cinema Troisi riunirà il cast artistico e tecnico del film domenica 3 dicembre a partire dalle ore 17. Al regista Marco Tullio Giordana si uniranno le attrici Sonia Bergamasco, Valentina Carnelutti, Maya Sansa, Jasmine Trinca, Lidia Vitale, gli attori Alessio Boni, Fabrizio Gifuni, Luigi Lo Cascio, gli sceneggiatori Sandro Petraglia, Stefano Rulli, il produttore esecutivo Gianfranco Barbagallo, il direttore della fotografia Roberto Forza, il montatore Roberto Missiroli, il truccatore Enrico Jacoponi.

Vincitore di sei David di Donatello, sette Nastri d’Argento, tre Globi d’Oro, candidato agli EFA e ai César, definito dalla rivista Time “cinema di vecchia scuola di grande potere seduttivo, epico” e dal New York Times come il Miglior Film del 2005, il film racconta quarant’anni della nostra storia attraverso le vicende di una famiglia che sembrano toccare tutti gli avvenimenti chiave accaduti in Italia tra il ’66 e il 2003: dall’alluvione di Firenze alla contestazione sessantottina, dalla Fiat alla legge Basaglia, dal terrorismo agli attentati mafiosi, dall’assassinio di Giovanni Falcone agli scandali di Tangentopoli.

Dopo la proiezione integrale del film, il regista e il cast incontreranno il pubblico per un dibattito finale.

Condividi