22 Febbraio 2024
Milano, 9°

Salute

I vip la adorano, il senso scientifico della bava di lumaca

Molti ci credono. La bava di lumaca è diventata un rimedio multiuso, tutti parlano del suo uso attivo, dal settore della cosmesi a quello della salute, ma non mancano le perplessità sulla sua reale efficacia.

A chi non è capitato di andare in farmacia con un po’ di tosse e sentirsi proporre il rimedio alla “bava di lumaca”? Consigliato da molti, per adulti e bambini, in quanto naturale ed efficace allo stesso tempo. Vediamo innanzitutto cos’è: si tratta di un concentrato di sostanze nutritive e rigeneranti, che si ricava dalla lumaca Helix aspersa, il noto invertebrato che troviamo in giro. Fin da piccoli conosciamo la peculiarità delle lumache, ossia che molto semplicemente……sbavano. E la secrezione pare che sia composta da varie sostanze, di cui alcune di grande interesse cosmetico, come l’allantoina, l’acido glicolico (esfolia e stimola direttamente la formazione del collagene nel derma, rendendo la pelle più luminosa), l’elastina (proteina che rende elastica la pelle), il collagene (idratante ed ammorbidente) e alcune vitamine e proteine. Attenzione all’azione purificatrice: i peptidi e l’acido glicolico contenuti nella bava di lumaca riescono ad allontanare le impurità e, ad esempio, sono in grado di combattere l’acne e i brufoli. Così aiuta anche a curare rughe e cicatrici sulla pelle come bruciature, segni di varicella, smagliature etc…

La consistenza della crema a bava di lumaca è particolarmente collosa, molto gelatinosa e così l’assorbimento risulta rapido e semplice, soprattutto per chi ha pelle mista o grassa o chi odia attendere tempo per l’assorbimento. Non scordiamo l’azione antiossidante della bava: la vitamina C e la vitamina E consentono di moderare le infiammazioni e ostacolano l’azione dei radicali liberi, rallentando il processo di decadimento precoce della pelle.
I vip adorano la bava di lumaca: è l’essenza viso preferita di Emrata, modella e influencer da milioni di seguaci in tutto il mondo. Era Coco Chanel che diceva: «La natura ti dà la faccia che hai a vent’anni; è compito tuo meritarti quella che avrai a cinquant’anni», e molti personaggi si affidano a questo prodotto contro l’invecchiamento. La lumaca non è solo usata in cosmesi, ma dalla Grecia antica al Medioevo è stata abitualmente usata in medicina per problemi di stomaco, come ulcere e gastriti, per cicatrizzare lesioni e fermare i sanguinamenti.

Le aziende cosmetiche spesso sottolineano la “non sofferenza” delle lumache, riservando loro solo la funzione di “produttrici di mucopolisaccaridi”. Ovvero? Il semplice recupero e la purificazione della bava senza sacrificare l’animale. Ma ricordiamoci che spesso, comunque, ci sono azioni di stimolo all’ipersecrezione mucosa mediante radiazioni ionizzanti o centrifugazione.
La bava di lumaca non presenta particolari controindicazioni, per lo più non è irritante né sulla pelle in condizioni d’uso normale. Come con tutti i prodotti, farmaceutici o naturali di erboristeria, si consiglia di testare prima il prodotto su piccole zone; in questo modo, chi dovesse avere reazioni avverse, specie chi ha la pelle particolarmente sensibile, possa accorgersene per tempo.

 

Condividi