27 Febbraio 2024
Milano, 8°

Eventi, Scienza e tecnologia

Il CES si limita a tradurre il futuro senza inventarlo, ci pensa l’Intelligenza artificiale

LAS VEGAS - 8 gennaio 2024: il logo del CES e il tema del 2024 vengono visualizzati sul palco del keynote del CES 2024.

Tutto traduzioni, auto e robot. Il CES di Las Vegas si riempie di popolo a caccia dell’ultima novità. Ma che fine hanno fatto quelle meraviglie che ogni anno ci facevano fare “wow”? Le TV? Più sottili e alta definizione di così non si può.

La curva della tecnologia sta diventando una linea retta. Per carità: non è che il mercato abbia carenza di prodotti, ma è l’innovazione che non sa più che strada prendere. Stiamo parlando dell’involucro e non del contenuto: in pratica di questi tempi si sente quasi solo parlare di intelligenza artificiale. Ma che fine hanno fatto quelle meraviglie che ogni anno ci facevano fare “wow”?

Gennaio è il mese in cui le aziende hitech si presentano per il nuovo anno, e a vedere i titoli di siti e stampa specializzata, il futuro è sempre alle porte. Il CES di Las Vegas, che ogni anno si riempie di popolo a caccia dell’ultima novità, resta la vetrina più scintillante di questo magico mondo digitale. Ma se poi guardiamo davvero quello che nell’edizione 2024 è stato presentato, sembra un film già visto. Di quelli che gli americani sanno presentare bene con slogan roboanti, e che poi in realtà presenta molte repliche. Così, alla fine, chi fa un riassunto delle giornate più pazze del tech, scopre che la prossima frontiera è molto lontana.

Le novità più strombazzate di quest’anno, per esempio, riguardano le auto e i robot. Eppure, resta ancora la domanda su quanto davvero le auto saranno autonome in futuro e quanto i robot saranno poi utili a casa nostra. Poi c’è il caso delle Tv: da quando sono diventare sottili ed alta definizione, sono sempre più diventate sottili e ad alta definizione, scoprendo a un certo punto che più sottili ed alta definizione di così si muore. Per dire: avete mai voi visto un programma in 8K? Ecco di questa tecnologia se ne parla ormai da anni. Così adesso l’ultima trovata è la Tv trasparente, il che sembra quasi un ossimoro. O comunque la via per cui la Tv finirà per scomparire. E quindi, alla fine, si va sempre in cerca delle cose più strane, tanto per far sì che qualcuno creda che sia possibile utilizzarle davvero. Se volete provare, al CES 2024 si sono viste cose come un piccolo robot maggiordomo, un materasso smart studiato per gli sportivi, un automa lavastrade, gli occhiali che ti fanno sentire, una super poltrona massaggiante da 12mila dollari (che equivale a qualche anno di sedute settimanali dal vostro, sicuramente più rilassante, centro estetico). Ah sì, c’è anche la casa smart che fa tutto da sola, il che potrebbe anche essere che poi vi sbatta fuori.

Scherzi a parte, il problema – per le aziende del settore – è serio. E la salvezza appunto sta nell’intelligenza artificiale, come certificato da Samsung e dai suoi nuovi smartphone della linea Galaxy S24: come aspetto, l’unico cambiamento è che due modelli su tre assomigliano a un iPhone (sacrilegio), però ti danno notizie via Google su qualsiasi immagine cerchi col dito sullo schermo e traducono le telefonate in tempo reale nelle lingue di tutto il mondo, rendendo inutile avere un traduttore e, forse un domani, imparare le lingue. Ma che ce ne facciamo ora di tutti i traduttori smart visti al CES?

Condividi