2 Marzo 2024
Milano, 9°

Politica

Letta ai 30 anni Fi porta “sostegno” figli Cav e ‘benedice’ Tajani

26.01.2024

Il Segretario: unici eredi sono elettori. Alle Europee andrà meglio di quanto si aspettano

Roma, 26 gen. (askanews) – Da quel 12 giugno, in cui è morto il padre e fondatore, il registro è sempre lo stesso: mostrarsi grati ma non nostalgici, fieri del passato ma con la capacità di guardare avanti. Ed è un po il concetto ripreso nel titolo scelto per questo trentennale della discesa in campo di Silvio Berlusconi che Forza Italia ha celebrato al salone delle Fontane dell’Eur: “Le radici del futuro”. Una formula che tenta di scongiurare l’horror vacui seguito alla morte del Cavaliere, esorcizzare il rischio di scomparire che in tanti hanno profetizzato, preparare la decisiva sfida delle elezioni Europee, unica e vera cartina di tornasole dello stato di salute del partito.

A fare davvero la differenza dalle altre manifestazioni organizzate negli ultimi mesi, compreso il Berlusconi day tenuto a Paestum nel giorno del compleanno dell’ex premier, è l’intervento di Gianni Letta. L’uomo che più di tutti in vita è stato vicino al leader, gran consigliori, braccio destro, tra i pochi a poterlo contraddire e ad essere ciononostante ascoltato. Parole attesissime le sue, tanto più che si tratta del suo primo intervento pubblico a un evento di Forza Italia, partito del quale, peraltro, non ha mai preso la tessera. Ma ancor di più perché nessuno come lui in questo momento rappresenta l’anello di congiunzione tra la famiglia del Cavaliere e la sua creatura politica.

E il discorso che Letta pronuncia non è solo una dichiarazione di affetto verso Berlusconi, ma anche una sorta di benedizione – per interposta famiglia – di Tajani come segretario, ruolo che ha assunto subito dopo la morte del Cavaliere e che il congresso del 23 e 24 febbraio confermerà.

Per il vicepremier è una mano tesa sulla testa molto significativa, anche perché l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio parla di “sostegno” dei figli “in continuità” con il padre. Non vuol dire che arriveranno altri soldi, il partito deve tenersi in piedi da solo hanno fatto sapere, ma non verrà mai rivendicato quel credito di 100 milioni ereditato. E vuol dire anche che, almeno per ora, vengono messe a tacere le voci di una insoddisfazione dell’attività svolta al governo e di una conseguente ipotesi di impegno in politica del secondogenito. “Quando Silvio il 12 giugno è scomparso, Antonio Tajani era il numero due. E una delle ultime dichiarazioni che ha reso la stampa dal San Raffaele fu quella per dire ‘in tanti anni che ho avuto vicino a me l’amico Tajani, non ha mai sbagliato una dichiarazione o un intervento. Può continuare così’. Questo è il messaggio che la famiglia vi manda per mio mezzo”, dice Letta. Tajani, inquadrato in platea, incassa visibilmente emozionato e contento. Ma preferisce rispondere con un pizzico di falsa modestia. “Non esiste l’erede di Silvio Berlusconi, non esiste il presidente di Forza Italia perché ce n’è stato e ce ne sarà uno soltanto. Ma ci sono gli eredi di Silvio Berlusconi che siete voi, che sono i milioni di italiani che votano Fi, i militanti”.

La sfida per le Europee è lanciata e il segretario non vuole giocarla al ribasso. “La vittoria si avvicina, io sono convinto che l’obiettivo del 10% alle prossime Europee è assolutamente raggiungibile. Dipende soltanto da noi. Qualcuno non si accorgerà che stiamo arrivando, ma è così”, afferma.

Condividi