19 Aprile 2024
Milano, 16°

Politica

Mattarella rinnova appello alla pace: rimuovere i fuochi di guerra

19.03.2024

Il presidente alla stampa estera: “ruolo decisivo” stampa, fondamentale per libertà di tutti

Roma, 19 mar. (askanews) – Un nuovo appello alla pace, “a rimuovere i fuochi di guerra” dentro e accanto all’Europa arriva dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che ne parla all’inaugurazione della nuova sede della stampa estera in Italia.L’incontro con i corrispondenti stranieri è anche l’occasione per rilanciare un tema che da sempre sta molto a cuore al capo dello Stato: la libertà di stampa, il cui “ruolo è decisivo”.

“Fino a due anni fa, l’Europa viveva non in una belle époque, ma in una époque de paix – ha detto il capo dello Stato -, che cerchiamo e speriamo di riuscire a difendere, a preservare e a ripristinare appieno, eliminando, rimuovendo ed estinguendo venti e fuochi di guerra che, dentro l’Europa e accanto all’Europa, si stanno manifestando da qualche tempo”. Da giorni Mattarella nei suoi interventi, discorsi e messaggi esprime preoccupazione per quanto sta accadendo in Europa, con la guerra in Ucraina, e nel Mediterraneo orientale, con la crisi in Medioriente. E’ di martedì scorso il suo appello da Cassino a “far memoria di tragedia, una battaglia così sanguinosa, che ha inciso nelle carni e nelle coscienze del nostro popolo e di popoli divenuti nostri fratelli, è anche un richiamo a far cessare, ovunque, il fuoco delle armi, a riaprire una speranza di pace”.

Mattarella, che oggi ha inviato anche un messaggio al Santo Padre per l’undicesimo anniversario del suo pontificato, ha sottolineato gli “incessanti appelli” che Papa Francesco ha rivolto a tutela “dei bisognosi, degli emarginati, di coloro che soffrono a causa di conflitti e violenza, e alla pace”, sono “spunti di riflessione – ha detto – per quanti sono sinceramente impegnati nella ricerca di soluzioni ispirate a fondamentali principi di diritto internazionale e a criteri di giustizia e di autentica equità”.

Per il capo dello Stato “di fronte alle principali sfide del nostro tempo, non soltanto le guerre, ma anche le crescenti disparità economiche e sociali, i rischi ambientali e le ricadute etiche dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale, credenti e non credenti sono chiamati a confrontarsi per individuare risposte coerenti con la tutela della dignità umana e con la promozione, in ogni ambito e circostanza, del bene comune”.

Un richiamo che viene ribadito nel saluto alla stampa estera quando Mattarella ha ricordato ai giornalisti quanto sia “fondamentale” il loro ruolo nello sviluppare “rapporti collaborativi e non conflittuali”. In un mondo come quello attuale interconnesso e integrato “il ruolo della libera stampa è un presidio indispensabile della libertà delle persone”, ha concluso.

Condividi