19 Aprile 2024
Milano, 17°

Esteri, Sostenibilità, Sport

New York si apre al Calcio con uno stadio tutto sostenibile

21.02.2024

Finalmente la squadra del New York City Football Club avrà uno stadio rappresentativo da 25 mila posti. La struttura sarà realizzata nel Queens entro il 2027 e sarà completamente “off the grid”.

Non vanta ancora un primo posto in classifica, tuttavia la città di New York avrà finalmente il suo primo stadio di calcio per le partite casalinghe del “New York City Football Club”, la squadra ufficiale della Grande Mela. La società calcistica statunitense, fondata nel 2013 e dal 2015 nella Major League Soccer (MLS, una sorta di serie A per Stati Uniti e Canada), per ora disputa le sue partite casalinghe ospite dello Yankee Stadium (Baseball, ndr) nel Bronx.

La struttura sarà costruita a Willets Point in Queens, non lontano dal Citi Field, casa dei New York Mets, e USTA Billie Jean King National Tennis Center, dove si svolgono gli Us Open (torneo di tennis del Grande Slam). Il progetto da 780 milioni di dollari prevede una capienza da 25 mila posti e secondo le stime sarà ultimato entro il 2027. Intanto, la città avrà completato il suo primo grande test ospitando la finale della Coppa del Mondo FIFA 26. Il campionato mondiale si svolgerà in tre nazioni, Canada, Messico e Stati Uniti. Lo stadio sarà anche il primo della città completamente “off the grid”, dipendente dalle proprie fonti di energia e quindi all’insegna della sostenibilità. La prima struttura sportiva del genere ad essere realizzata negli Stati Uniti è stata la “Climate Pledge Arena” a Seattle, nello Stato di Washington. Si tratta dell’arena dove giocano in casa i Seattle Kraken, squadra di Hockey su ghiaccio.

Una volta inaugurato lo stadio, NYCFC ha dichiarato che si impegnerà a trovare alternative per ridurre degli sprechi, tra queste il compost in loco. «La sostenibilità è al centro del nostro progetto – ha dichiarato Brad Sims, amministratore delegato della società calcistica – e siamo concentrati nell’assicurare che il club aprirà la strada in fatto di riduzione dell’impatto ambientale. Ci impegnano a costruire uno stadio che serva da modello per altri progetti nel futuro». Lo stadio, completamente finanziato privatamente, andrà oltre il semplice concetto di struttura sportiva, offrirà anche dei servizi alla comunità, tra questi la realizzazione di alloggi a basso costo, circa 2500 unità, il primo del genere in oltre 40 anni, spazi commerciali, un parco e persino una scuola pubblica. Lo stadio in se’ avrà la forma di un gigantesco cubo illuminato. Con tali presupposti sarà a tutti gli effetti una destinazione. Entusiasta del progetto anche il sindaco di New York, Eric Adams. «Sarà un’opportunità unica per creare un nuovo quartiere» – ha commentato. Saranno creati, inoltre, anche nuove opportunità lavorative per i newyorkesi.

 

 

Condividi