15 Aprile 2024
Milano, 15°

Esteri

Europa raddoppia import armi dal 2019, ma vola export Italia: +86%

11.03.2024

Sipri: Usa e Francia, primi esportatori. Russia in forte calo

Roma, 11 mar. (askanews) – Gli Stati europei hanno quasi raddoppiato le loro importazioni di armi (+94%) tra il 2019 e il 2023, rispetto al periodo 2014-2018, mentre l’Italia ha fatto registrare in questo periodo un incremento dell’86% delle sue esportazioni d’armi. Gli Stati Uniti restano il principale esportatore mondiale, mentre la Russia ha visto dimezzare il suo export ed è passato al terzo posto tra i principali esportatori, dopo Usa e Francia, secondo i nuovi dati sui trasferimenti internazionali di armi pubblicati oggi dallo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI). Il volume globale dei trasferimenti internazionali di armi è comunque diminuito leggermente, in una percentuale pari al 3,3%. I volumi maggiori di armi sono affluiti verso l’Asia, l’Oceania e il Medio Oriente, dove si trovano nove dei dieci maggiori importatori.

Considerando i 10 principali esportatori di armi dopo Stati Uniti, Francia e Russia, il maggiore aumento percentuale delle esportazioni è stato registrato dall’Italia. Il nostro Paese rappresenta il 4,3% delle esportazioni mondiali di armi nel periodo 2019-23. Un totale del 71% delle sue esportazioni è finito in Medio Oriente. In calo del 37% è invece il dato delle importazioni italiane di armi nello stesso periodo di riferimento, che vale il 24esimo posto nella classifica dei principali importatori mondiali. I primi fornitori dell’Italia, in questo caso, sono stati nell’ordine Stati Uniti, Germania e Francia.

Le importazioni di armi da parte degli Stati europei sono state superiori del 94% nel 2019-23 rispetto al 2014-2018. L’Ucraina è emersa come il più grande importatore europeo di armi nel 2019-2023 e il quarto al mondo, dopo che almeno 30 stati hanno fornito armi importanti come aiuto militare a Kiev a partire dal febbraio 2022. Circa il 55% delle importazioni di armi da parte degli Stati europei nel 2019-2023 è stato fornito dagli Stati Uniti, rispetto al 35% nel 2014-2018. ‘Allo stesso tempo, l’Europa è responsabile di circa un terzo delle esportazioni globali di armi, compresi grandi volumi diretti al di fuori della regione, riflettendo la forte capacità militare-industriale dell’Europa’, ha precisato il direttore del SIPRI Dan Smith. ‘Molti fattori determinano le decisioni degli Stati europei della Nato di importare dagli Stati Uniti, compreso l’obiettivo di mantenere le relazioni transatlantiche insieme alle questioni più tecniche, militari e legate ai costi. Se le relazioni transatlantiche cambieranno nei prossimi anni, anche le politiche di approvvigionamento di armi degli stati europei potrebbero essere modificate’, ha commentato.

Le esportazioni di armi degli Stati Uniti sono cresciute del 17% nel 2019-23 rispetto al 2014-18, e la loro quota sul totale delle esportazioni globali di armi è aumentata dal 34% al 42%. Gli Stati Uniti hanno consegnato importanti armi a 107 stati nel 2019-2023, più di quanto abbiano fatto in qualsiasi quinquennio precedente e molto più di qualsiasi altro esportatore di armi. Gli Usa e gli Stati dell’Europa occidentale insieme hanno inoltre rappresentato il 72% di tutte le esportazioni di armi nel 2019-2023, rispetto al 62% nel 2014-2018. “Gli Stati Uniti hanno rafforzato il loro ruolo globale come fornitori di armi – un aspetto importante della loro politica estera – esportando più armi di quanto abbiano mai fatto in passato, verso un numero maggiore di paesi’, ha affermato Mathew George, direttore del programma di trasferimento di armi del SIPRI. “Ciò avviene in un momento in cui il dominio economico e geopolitico degli Stati Uniti viene messo in discussione dalle potenze emergenti”.

Le esportazioni di armi della Francia sono aumentate invece del 47% tra il 2014-2018 e il 2019-23 e per la prima volta il paese è diventato il secondo maggiore esportatore di armi, appena davanti alla Russia. La quota maggiore delle esportazioni di armi della Francia (42%) è andata agli stati dell’Asia e dell’Oceania, e un altro 34% è stato diretto verso gli stati del Medio Oriente. Il principale destinatario delle esportazioni di armi francesi è stata l’India, che da sola ne ha rappresentato quasi il 30%. L’aumento delle esportazioni francesi di armi, secondo SIPRI, è dovuto in gran parte alle consegne di aerei da combattimento all’India, al Qatar e all’Egitto. “La Francia sta sfruttando l’opportunità della forte domanda globale per rilanciare la propria industria degli armamenti attraverso le esportazioni ed ha avuto particolare successo nel vendere i suoi aerei da combattimento al di fuori dell’Europa”, ha affermato Katarina Djokic, ricercatrice del SIPRI.

Le esportazioni di armi russe, viceversa, sono diminuite del 53% tra il 2014-2018 e il 2019-23. Il declino è stato rapido nel corso degli ultimi cinque anni e, mentre la Russia ha esportato armi importanti in 31 stati nel 2019, ne ha esportate solo in 12 Paesi nel 2023. Gli stati di Asia e Oceania hanno ricevuto il 68% del totale delle esportazioni di armi russe nel 2019-23, con l’India che rappresenta il 34% e la Cina il 21% dell’export russo.

Considerando gli altri 10 principali esportatori di armi dopo Stati Uniti, Francia e Russia, solo due hanno registrato un aumento delle esportazioni, Italia (+86%) e Corea del Sud (+12%), mentre cinque hanno fatto segnare delle diminuzioni: Cina (-5,3%), Germania (-14%), Regno Unito (-14%), Spagna (-3,3%) e Israele (-25%).

L’India risulta invece come il principale importatore di armi al mondo. Le sue importazioni di armi sono aumentate del 4,7% tra il 2014-2018 e il 2019-23. Sebbene la Russia sia rimasta il principale fornitore di armi al Paese (rappresentando il 36% delle sue importazioni di armi), questo è stato il primo quinquennio dal 1960-64 in cui le consegne dalla Russia (o dall’Unione Sovietica prima del 1991) hanno rappresentato meno della metà del totale delle armi importate da Nuova Delhi. Anche il Pakistan ha aumentato significativamente le sue importazioni di armi (+43%), ponendosi al quinto posto tra i principali paesi importatori.

Le importazioni di armi della Cina si sono ridotte del 44%, principalmente a causa della sostituzione delle armi importate, la maggior parte delle quali provenivano dalla Russia, con sistemi prodotti localmente. Nell’Asia Orientale, il Giappone, inoltre, ha aumentato le importazioni di armi del 155%, la Corea del Sud del 6,5%. ‘Non c’è dubbio che gli elevati livelli sostenuti di importazioni di armi da parte del Giappone e di altri alleati e partner degli Stati Uniti in Asia e Oceania siano in gran parte guidati da un fattore chiave: la preoccupazione per le ambizioni della Cina’, ha affermato Siemon Wezeman, ricercatore senior presso il SIPRI. “Gli Stati Uniti, che condividono la loro percezione di una minaccia cinese, sono un fornitore in crescita per la regione”.

Quanto al Medio Oriente, è arrivato nella regione il 30% dei trasferimenti internazionali di armi nel periodo 2019-2023. Tre stati del Medio Oriente sono risultati tra i primi 10 importatori nel 2019-2023: Arabia Saudita, Qatar ed Egitto. La maggior parte delle armi fornite ai paesi del Medio Oriente è arrivata da Stati Uniti (52%), Francia (12%), Italia (10%) e Germania (7,1%).

L’Arabia Saudita è al secondo posto della classifica generale degli importatori, dietro l’India e davanti a Qatar e Ucraina, con un incremento dell’8,4% delle importazioni globali di armi nel periodo, pur facendo registrare un calo del 28% rispetto al 2014-2018. Il Qatar ha aumentato le sue importazioni di armi di quasi quattro volte (+396%) tra il 2014-2018 e il 2019-23, diventando così il terzo maggiore importatore di armi al mondo. “Nonostante un calo generale delle importazioni di armi in Medio Oriente, queste rimangono elevate in alcuni stati, spinte in gran parte da conflitti e tensioni regionali”, ha affermato Zain Hussain, ricercatore del SIPRI. “Le principali armi importate negli ultimi 10 anni sono state ampiamente utilizzate nei conflitti nella regione, tra cui Gaza, Libano e Yemen. Alcuni stati nella regione del Golfo hanno importato grandi volumi di armi da utilizzare contro gli Houthi nello Yemen e per contrastare l’influenza iraniana’. (di Corrado Accaputo)

Condividi