22 Febbraio 2024
Milano, 9°

Esteri

Gb, ex premier Johnson si scusa con famiglie vittime Covid

06.12.2023

Interrogato a inchiesta pubblica su pandemia

Roma, 6 dic. (askanews) – Oggi l’ex primo ministro britannico Boris Johnson si è scusato con le famiglie delle vittime del Covid e ha ammesso di aver “sbagliato su alcuni punti” durante la sua udienza nell’ambito dell’inchiesta pubblica sulla pandemia.

“Sono profondamente dispiaciuto per il dolore, la perdita e la sofferenza” di queste vittime e delle loro famiglie, ha affermato Boris Johnson nell’introduzione a questa attesissima udienza. Queste scuse sono state però interrotte da quattro manifestanti che hanno detto “non vogliamo le sue scuse!”, prima di essere espulsi dalla sala.

“Inevitabilmente abbiamo sbagliato su alcuni punti”, ha continuato l’ex capo del governo conservatore, affermando di assumersi la “responsabilità personale” delle decisioni prese all’epoca. “Penso che abbiamo fatto del nostro meglio… in circostanze molto difficili. (…) Ci sono cose che avremmo dovuto fare diversamente? Senza dubbio.”

Boris Johnson dovrà rispondere a domande difficili durante questa udienza prevista per due giorni, dopo le forti critiche degli ex collaboratori. Dall’inizio delle udienze a giugno, diversi consiglieri e scienziati hanno descritto un Primo Ministro sopraffatto, indeciso, con poca preoccupazione per le vittime quando è scoppiata la pandemia all’inizio del 2020, e un governo diviso e caotico.

Molte le domande a cui trovare risposta: Boris Johnson ha impiegato troppo tempo per imporre un primo confinamento alla fine di marzo 2020? Aveva fatto il punto sulla pandemia? Ha eguito la scienza? Era indifferente alle vittime e soprattutto agli anziani?

“È stata una crisi sbagliata per le capacità del Primo Ministro”, ha detto alla commissione Lee Cain, ex direttore delle comunicazioni di Downing Street, alla fine di ottobre, raccontando di un Boris Johnson che respingeva le decisioni e cambiava continuamente idea, in base sull’ultima persona che gli aveva parlato.

Le sue scuse sono già state respinte da Aamer Anwar, avvocato dell’associazione scozzese delle vittime del Covid, la Scottish Covid Bereaved. “Invece di risolvere la crisi”, Boris Johnson ha “presieduto un’orgia di narcisismo totalmente disgustosa”, ha detto ai giornalisti fuori dall’edificio dove si sta svolgendo l’udienza. “Ha permesso che i corpi si accumulassero e che gli anziani fossero trattati come rifiuti tossici”, ha aggiunto.

Condividi