29 Maggio 2024
Milano, 17°

Esteri

In India al via domani il voto da un miliardo di elettori

18.04.2024

Il premier Modi guida il Partito popolare indiano nelle elezioni generali

Milano, 18 apr. (askanews) – Dalle alte vette dell’Himalaya alle remote foreste degli stati centrali quasi un miliardo di indiani voteranno nelle prossime settimane alle elezioni generali, il cui vincitore è considerato già chiaro in anticipo: si prevede che il Primo Ministro Narendra Modi guiderà il Partito popolare indiano (BJP) al terzo trionfo consecutivo. Modi è molto popolare in India, molto più popolare del suo partito, e corre contro un’alleanza di partiti di opposizione che cercano di spodestarlo.

Gli indiani voteranno per 543 seggi nella camera bassa del parlamento da 545 seggi, chiamata Lok Sabha, con altri due seggi nominati dal presidente del paese. Il partito che ottiene la maggioranza nominerà uno dei suoi candidati vincenti come primo ministro e formerà un governo al potere.

Le votazioni inizieranno domani venerdì 19 aprile e proseguiranno fino al primo giugno, con i risultati annunciati il 4 giugno. Alcuni stati hanno solo un giorno per votare, mentre lo stato più popoloso del nord, l’Uttar Pradesh, e gli stati orientali del Bihar e del Bengala occidentale, con una popolazione complessiva stimata di 475 milioni, voteranno nell’arco di sette giorni.

Con una popolazione di oltre 1,4 miliardi di persone, circa 969 milioni hanno diritto di voto alle prossime elezioni, più delle popolazioni del Nord America e dell’Unione Europea messe insieme.

Una carta d’identità dell’elettore, nota anche come carta d’identità con foto degli elettori (EPIC), viene rilasciata dalla Commissione elettorale indiana a tutti gli individui aventi diritto al voto nella più grande democrazia del mondo. Lo scopo principale di questa carta è migliorare l’accuratezza delle liste e aiutare a prevenire casi di frode elettorale. Inoltre, serve come prova di identificazione quando le persone esprimono il loro voto.

Ciò significa che circa il 12% della popolazione mondiale si recherà alle urne, motivata da una serie di questioni, dalla disoccupazione e dai benefici sociali alle infrastrutture e al sostegno della democrazia. Secondo la commissione elettorale, il numero di donne registrate per votare è aumentato di 40 milioni rispetto alle precedenti elezioni del 2019, mentre all’elettorato si sono aggiunti più di 20 milioni di elettori di età compresa tra i 18 e i 29 anni. I voti saranno espressi elettronicamente in più di un milione di seggi elettorali nel paese: un aumento dell’1,2% nel numero di seggi rispetto alle precedenti elezioni del 2019.

Condividi