23 Febbraio 2024
Milano, 6°

Esteri

Malattia re Carlo, esperto Gb: ipotizzabile reggenza soft con William

06.02.2024

Parla esperto dell’Univerisity College di Londra

Roma, 6 feb. (askanews) – Dopo l’annuncio della malattia del Re Carlo III, e se le sue condizioni dovessero peggiorare, si potrebbe mettere in atto una forma di reggenza “soft”, spiega a Le Figaro Robert Hazell, professore del dipartimento di Costituzione dell’University College di Londra (UCL).

Robert Hazell, professore specializzato in Costituzione all’Università dell’UCL, coautore di un saggio sulla monarchia britannica pubblicato lo scorso aprile, spiega cosa prevede la legge in caso di malattia grave del monarca. Lunedì sera il re Carlo III ha annunciato di essere affetto da una forma di cancro. Quali sono le conseguenze di questo annuncio per la Corona britannica?

“A prima vista nessuno”, risponde il professore. ” Resta re e tale resterà finché non diventerà formalmente incapace di svolgere i doveri reali. In questo caso, verrebbe dichiarata una reggenza e l’erede apparente, il principe William, diventerebbe reggente. Il reggente è una sorta di re ad interim che ha gli stessi poteri del monarca”.

L’ultima reggenza risale all’inizio del XIX secolo, quando qualcuno che tutti conosciamo come il “Principe Reggente” mantenne quella carica per quasi dieci anni, dal 1811 al 1820, mentre suo padre, re Giorgio III, era impazzito. delicata.

“Una reggenza – spiega il professore – può essere dichiarata solo se il monarca è, per legge, incapace di svolgere i suoi doveri reali a causa di infermità fisica o mentale. E questo dovrà essere certificato formalmente da tre dei cinque giuristi e politici più anziani, tra cui la regina Camilla. Questo è il limite costituzionale nel caso in cui il re diventi inabile ad adempiere ai suoi doveri. Speriamo non si arrivi a questo”.

C’è un passaggio intermedio?

“Ciò che dovrebbe iniziare ad accadere è quella che potrebbe essere definita una reggenza “soft”, in cui non viene ufficialmente chiamata reggenza perché il re non ne è troppo influenzato, ma in cui altri membri importanti della famiglia reale stanno iniziando ad assumersi alcuni dei suoi doveri. , poiché ci sono pochissime cose che solo il sovrano può fare. Tutte le apparizioni pubbliche possono essere effettuate da qualsiasi membro della famiglia reale”.

“Ad esempio, c’è un corteo molto regolare di ambasciatori che, quando arrivano, sono invitati a palazzo per presentarsi. Il principe William o un altro membro della famiglia possono farlo facilmente. Allo stesso modo, la maggior parte degli incontri pubblici e privati del re, anche le sue udienze settimanali con il primo ministro, non devono necessariamente avvenire con il monarca. Anche qui potrebbe pensarci William, il che sarebbe un bene per prepararsi a diventare re”.

“L’apertura del Parlamento può anche essere delegata, come abbiamo visto negli ultimi anni di vita della Regina, che trovava sempre più difficile viaggiare. Parte della cerimonia di apertura del Parlamento prevede la lettura del programma del governo alla Camera dei Lord: questo è stato chiamato il discorso della Regina. Ma alla fine della sua vita questo discorso fu pronunciato dal principe Carlo a suo nome”.

Quali poteri non può delegare?

“L’elenco è piuttosto breve. La nomina dei ministri e l’approvazione reale delle leggi approvate dal Parlamento. Ma è soprattutto amministrativa: finché Carlo potrà continuare a firmare documenti statali, potrà adempiere alle funzioni della monarchia. Non deve apparire. Ci fu un lungo periodo in cui la regina Vittoria non apparve in pubblico dopo la morte di suo marito, il principe Alberto, perché era in lutto”.

Anche il re Giorgio VI soffriva di cancro, ma la malattia fu improvvisa e molto grave. Fumava molto e alla fine morì di cancro ai polmoni. La regina Elisabetta in quel momento si trovava in Africa e dovette tornare rapidamente”.

Tra la malattia del padre e la convalescenza della moglie, la principessa Kate, il principe William si trova in una situazione delicata.

“Sul principe William – risponde Hazell – pesa molta pressione ma, quando la situazione è grave, sappiamo che la famiglia reale antepone sempre il proprio dovere pubblico a qualsiasi preoccupazione privata. Questa è una famiglia molto coscienziosa. La Regina da tempo dà l’esempio mettendo al primo posto il suo dovere pubblico, Re Carlo ha seguito le orme di sua madre e mi aspetto che il Principe William segua lo stesso esempio. Penso che non vi sia assolutamente alcun rischio per la monarchia e che, al contrario, la malattia del re susciterà un’ondata di empatia e sostegno da parte dell’opinione pubblica”.

Condividi