15 Aprile 2024
Milano, 15°

Business, Storie

Nuovi Business Angels visionari

12.03.2024

Il mercato degli animali domestici è in forte crescita in Italia. Ecco la storia di una Startup che lavora per migliorare la vita degli animali. Tutto nasce dall’esperienza personale di Viancini e del suo fedele cagnolino Cabi.

Nel cuore pulsante dell’innovazione campana, Longevity Pet si erge come una stella nascente, guidata dall’imprenditrice Bianca Viancini, il cui percorso è costellato di trionfi nel vasto universo del marketing e della comunicazione globale. Questa startup, avvolta in un’aura di pionierismo, naviga con determinazione nel mare del benessere animale, portando una ventata di freschezza con la sua nobile crociata: prolungare e arricchire l’esistenza dei nostri fedeli compagni a quattro zampe, cani e gatti, attraverso soluzioni innovative, scolpite nei dati e nella scienza. Con un robusto grimaldello finanziario di 200 mila  euro, forgiato dalle mani di Business Angel visionari, Longevity Pet danza già sotto i riflettori del suo settore, promettendo un domani più luminoso e lungo per gli amati pet.
L’ispirazione dietro Longevity Pet nasce dall’esperienza personale di Viancini e del suo fedele cagnolino Cabi, testimoniando l’evoluzione del ruolo di cani e gatti nelle famiglie moderne. Nonostante siano considerati veri e propri membri della famiglia, la loro aspettativa di vita rimane inferiore rispetto al potenziale. Da qui l’idea di Viancini di fondare Longevity Pet, con l’obiettivo di ideare soluzioni innovative per la prevenzione, il benessere e la cura dei nostri amici a quattro zampe.
«Ho guardato con interesse al mondo della nutrizione integrativa, studiando i grandi deal internazionali, come l’acquisizione di Zesty Paws per 610 milioni nel 2021 o la più recente di Fera Pets, azienda californiana, comprata dal colosso General Mills», racconta Viancini.
Il mercato degli animali domestici in Italia è in forte crescita, con 65 milioni di pet registrati e un fatturato che nel 2021 ha raggiunto i 2,5 miliardi di euro. Questo segmento, in continua evoluzione, riflette un cambiamento nelle esigenze dei proprietari, che ora cercano per i loro animali prodotti di qualità comparabile a quelli che sceglierebbero per sé stessi. Longevity Pet risponde a questa esigenza con una linea di integratori creata da un team di veterinari e nutrizionisti, pensati per rispondere alle esigenze specifiche di ogni animale.
«Vogliamo lavorare sulla diagnosi precoce e la cura preventiva in modo olistico. Il primo step per vivere una vita sana è sicuramente quello di adottare un’alimentazione bilanciata. Per questo, insieme ad un team di esperti veterinari e nutrizionisti, abbiamo creato la nostra prima linea di integratori pensati per soddisfare le esigenze specifiche di cani e gatti. Un’alimentazione equilibrata e completa è la base di partenza per prevenire l’insorgere di patologie e supportare il benessere dei nostri animali», prosegue Viancini.
Oltre al supporto di un network di professionisti del settore, Longevity Pet ha già sviluppato 9 prodotti disponibili su Amazon, in farmacie online selezionate, e sulla propria piattaforma eCommerce. Questi prodotti sono formulati per affrontare diverse problematiche, dal mantenimento dell’equilibrio intestinale alla cura di pelle e pelo, fino al contrasto di ansia e stress, con soluzioni naturali e innovative.
Per rispondere alle diverse esigenze di ogni animale domestico, Longevity Pet offre sul suo sito la possibilità di effettuare un semplice test, permettendo ai proprietari di ricevere consigli personalizzati per il benessere dei loro amici a quattro zampe. Ma il percorso di innovazione non si ferma agli integratori: la startup esplora costantemente nuovi mercati per ampliare la sua offerta, con l’obiettivo di includere prodotti per l’igiene, la cura e soluzioni avanzate per la diagnosi precoce.
«In Italia il più grande scoglio è l’informazione, c’è poca consapevolezza sui benefici della cura preventiva e sull’importanza di agire in anticipo per evitare problemi di salute. Fino a qualche anno fa il cane si portava dal veterinario solo quando stava male. Oggi, grazie all’avanzamento della scienza, abbiamo tantissime possibilità di agire in anticipo e far vivere ai nostri amici vite migliori e più lunghe possibili», conclude Viancini.

Condividi