2 Marzo 2024
Milano, 9°

Esteri

Schianto aereo russo, oggi riunione consiglio Sicurezza Onu

25.01.2024

Su richiesta di Mosca

Roma, 25 gen. (askanews) – Il Consiglio di sicurezza dell’Onu si riunirà d’urgenza oggi, su richiesta di Mosca, che accusa l’Ucraina di aver abbattuto un aereo da trasporto militare russo e ucciso tutti i suoi passeggeri, compresi 65 prigionieri di guerra ucraini destinati a essere scambiati con prigionieri russi. L’incontro dovrebbe svolgersi alle 17 (22 GMT), ha annunciato la presidenza francese del Consiglio, dopo una richiesta avanzata mercoledì dal capo della diplomazia russa in visita a New York, Sergei Lavrov.

“Il fatto che gli ucraini abbiano ucciso i loro prigionieri, i loro cittadini, che avrebbero dovuto essere a casa praticamente entro 24 ore, è ovviamente un atto assolutamente mostruoso”, ha reagito giovedì il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, dalle agenzie di stampa russe. Egli ha avvertito che questo incidente potrebbe compromettere la continuazione del “processo” di scambio di prigionieri con l’Ucraina.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, da parte sua, ha chiesto l’apertura di un’indagine internazionale e ha incaricato diverse agenzie statali di condurre le proprie indagini sull’incidente. “Dobbiamo stabilire tutti i fatti in modo chiaro e quanto più possibile, dato che l’aereo è stato abbattuto in territorio russo, che è fuori dal nostro controllo”, ha detto mercoledì sera Zelenskyj nel suo discorso quotidiano, senza dire che tra le vittime ci sono anche soldati ucraini prigionieri.

I servizi speciali ucraini (SBU) hanno infatti annunciato l’apertura di un’indagine. “L’indagine si svolge ai sensi dell’articolo 438 del codice penale ucraino (violazione delle leggi e delle consuetudini di guerra)”, ha affermato la SBU, il giorno dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha accusato Mosca di “giocare” con la vita dei cittadini ucraini. prigionieri.

Kiev non ha né confermato né smentito che l’aereo sia stato abbattuto da armi ucraine, come sostiene Mosca. Secondo le autorità russe, in questa occasione sono morte 74 persone, tra cui 65 prigionieri di guerra ucraini trasportati per lo scambio. L’esercito ucraino ha confermato che mercoledì era previsto uno scambio di prigionieri e ha affermato che la Russia ha la responsabilità di proteggere i prigionieri di guerra ucraini in sua custodia.

L’aereo è precipitato mercoledì vicino a Yablonovo, a 45 chilometri dal confine con l’Ucraina, nella regione russa di Belgorod. Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha promesso di “chiarire” le circostanze dell’incidente, mentre il presidente della Duma Vyacheslav Volodin ha assicurato da parte sua che per abbattere l’aereo sono stati utilizzati “missili americani e tedeschi”. L’intelligence militare ucraina (GUR) dal canto suo ha assicurato che Kiev “non era stata informata” della necessità di proteggere lo spazio aereo nella zona e non conosceva “il modo di trasporto dei prigionieri”, accusando Mosca di averli deliberatamente “messi in Pericolo”. Il GUR sostiene inoltre di “non avere informazioni attendibili” sui passeggeri dell’Il-76 abbattuto, pur confermando che uno scambio di prigionieri era “programmato” ma alla fine non ha avuto luogo.

In un comunicato stampa pubblicato poche ore dopo l’incidente e senza menzionarlo direttamente, l’esercito ucraino ha promesso di continuare a “distruggere gli aerei da trasporto e controllare lo spazio aereo (…) anche nella zona Belgorod-Charkiv. La regione russa di Belgorod è regolarmente presa di mira da attacchi missilistici e droni ucraini a causa della sua vicinanza al confine e in risposta ai molteplici bombardamenti russi sull’Ucraina. Secondo Kiev, più di 8.000 ucraini, tra cui più di 1.600 civili, sono prigionieri in Russia.

Nel luglio 2022, Kiev e Mosca si sono accusate a vicenda dell’attentato alla prigione di Olenivka, nell’Ucraina orientale occupata dai russi, un attacco in cui sono morti più di 50 prigionieri di guerra ucraini. La Russia bombarda quasi ogni giorno le città ucraine.

Condividi