22 Febbraio 2024
Milano, 9°

Esteri

Turchia, attacco chiesa Istanbul, Erdogan segue vicenda

28.01.2024

Governatore: “Ha perso la vita un nostro cittadino di 52 anni”

Milano, 28 gen. (askanews) – Durante la messa domenicale c’è stato un attacco armato alla chiesa italiana di Santa Maria nel quartiere Sariyer di Istanbul. Si è appreso che una persona è morta nell’attacco, riportano i media turchi. Mentre da più parti giungono le condanne dell’attacco, a partire dal Santo Padre. “Esprimo la mia vicinanza alla comunità della chiesa Santa Maria Draperis di Istanbul che durante la Messa ha subito un attacco armato che ha provocato un morto e diversi feriti”, ha detto Papa Francesco.

“Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha avuto una conversazione telefonica con il governatore del distretto di Sariyer Omer Kalayli, il parroco della chiesa italiana di Santa Maria Anton Bulai ( francescano, ndr) e il console generale della Polonia a Istanbul Witold Lesniak in merito all’attacco” riporta Haber Fox, che ha pubblicato anche un video dove il capo di stato parla al telefono.

Il governatore di Istanbul Davut Gul ha confermato che è morta una persona, ma ha aggiunto che non sono stati segnalati feriti e il presidente turco Erdogan sta seguendo la vicenda. “Le mie condoglianze a tutti” ha detto secondo i media turchi. “Ha perso la vita un nostro cittadino di 52 anni. Le indagini della nostra polizia e della procura continuano. Non ci sono feriti, solo una persona è stata aggredita ed è morta”. Due uomini a volto coperto sarebbero entrati durante la funzione domenicale.

Sin dai primi minuti non si sono fatte attendere le reazioni dall’Italia, da parte dei presidenti di Camera e Senato Lorenzo Fontana e Ignazio La Russa. Nonché dal ministro degli Esteri e vicepremier Antonio Tajani: tutti concordi sulla viltà dell’attacco. “La Farnesina segue la situazione con l’Ambasciata ad Ankara e il Consolato a Istanbul, sono certo che le autorità turche arresteranno i responsabili” ha detto Tajani.

Riguardo all’incidente, il ministro degli Interni turco Ali Yerlikaya ha diffuso solo le iniziali della vittima, ma ha garantito che “sono stati avviati sforzi per catturare gli aggressori”. Altri politici turchi hanno reagito all’attacco armato a Sariyer. Il Ministro della Giustizia Tunc ha dichiarato: “Condanno fermamente l’attacco. Il vice procuratore capo e due pubblici ministeri sono stati incaricati di far luce sull’incidente”.

Condividi