23 Maggio 2024
Milano, 16°

Esteri

Usa-Cina, da titani corporate riuniti a cena standing ovation per Xi

16.11.2023

Leader Pechino: Cina pronta a essere partner e amica di Washington

Roma, 16 nov. (askanews) – Ieri sera in un hotel di San Francisco il presidente cinese Xi Jinping ha consegnato al meglio delle imprese statunitensi un chiaro messaggio, che ha suscitato una standing ovation: la Cina è un grande mercato ed à amica. Lo riferisce il Financial Times che in un lungo articolo sul suo sito ricostruisce la serata.

Ad affollare l’Hyatt Regency per incontrare il leader cinese c’erano il patron di Tesla Elon Musk , Tim Cook di Apple e Albert Bourla di Pfizer, tutti desiderosi di vendere più auto elettriche, iPhone e prodotti farmaceutici alla seconda economia del mondo.

Dopo una giornata a colloquio con il presidente Usa Joe Biden, Xi ha detto a un pubblico di circa 300 capitani d’industria: “La Cina è un’economia super-grande ma anche un mercato super-grande… la modernizzazione di 1,4 miliardi di cinesi è un’enorme opportunità che la Cina offre al mondo”.

Xi ha detto ai leader aziendali a San Francisco: “La prima domanda per noi è: siamo avversari o partner?” Se gli Stati Uniti e la Cina si considerassero rivali, ha avvertito, “ciò porterebbe solo a scelte male informate, azioni fuorvianti e risultati indesiderati”.

“Il mondo ha bisogno che Cina e Stati Uniti lavorino insieme per un futuro migliore”, ha aggiunto. “La Cina è pronta a essere partner e amica degli Stati Uniti”.

L’affetto è parso ricambiato. “Se si prende l’elenco delle 20 principali aziende statunitensi in Cina, c’erano tutte”, ha detto a Ft un imprenditore tech di San Francisco che ha partecipato all’evento. Mentre si recava all’Hyatt, il fondatore di Bridgewater Ray Dalio ha detto al Financial Times di essere “entusiasta di avere questa relazione” con Xi.

Ma se Xi si è sforzato di esprimere l’accoglienza del suo Paese nei confronti del business a stelle e strisce, una combinazione di violente tensioni con Washington, una ripresa economica difficile dopo la pandemia e un apparato di sicurezza interno sempre più presente a Pechino hanno smorzato l’entusiasmo degli investitori americani per le scommesse sulla Cina.

Una serie di aziende statunitensi ha cominciato a fare le valigie o a ridisegnare le catene di rifornimento nel timore che le tensioni geopolitiche possano incidere sull’attività. Gruppi tech come Airbnb e LinkedIn sono suciti dal Paese, così come le società di consulenza Gallup e Forrester Research. Perfino Apple, che da tempo fa affidamento sulla produzione cinese, ha iniziato ad acquisire componenti in paesi come India e Vietnam.

Myron Brilliant, ex capo delle relazioni internazionali della Camera di commercio statunitense, ha affermato che mentre i funzionari cinesi stanno tornando alla pratica di corteggiare la comunità imprenditoriale per investimenti e per aiutare a gestire i legami con Washington, “i tempi sono cambiati”.

“I leader imprenditoriali americani non vogliono essere coinvolti in una partita a scacchi tra i governi di Cina e Stati Uniti”, ha spiegato al Ft Myron Brilliant, ex capo delle relazioni internazionali della Camera di commercio statunitense. “Gli amministratori delegati sono avversi al rischio, il quadro dei rapporti tra Cina e Stati Uniti ha aumentato il rischio di fare business in Cina”.

Un dirigente sino-americano di un’azienda tecnologica che lavora tra i due paesi ha detto al Ft che la sua presenza alla cena di ieri era un “segreto di stato”. Darren Woods, amministratore delegato della ExxonMobil, che sta costruendo un impianto petrolchimico multimiliardario nel sud della Cina, ha detto ieri mattina ai giornalisti che non avrebbe partecipato alla cena. “Le relazioni tra il governo cinese e quello statunitense avranno alti e bassi nel tempo”, ha detto Woods. “Entrambi i paesi sono troppo importanti per l’ordine mondiale globale per non trovare un equilibrio, anche se questo equilibrio cambierà”.

Shi Yinhong, esperto di relazioni USA-Cina presso la Renmin University, ha affermato che le preoccupazioni dei due governi per la sicurezza nazionale limitano le relazioni. “Se gli interessi economici entrano in conflitto con la sicurezza nazionale, la sicurezza nazionale avrà senza dubbio la precedenza”, ha affermato Shi.

Condividi