17 Aprile 2024
Milano, 8°

Personaggi

Roberta Salvaderi e la forza della rete

08.03.2024

Blogger e mamma di Giulia, Roberta Salvaderi trasmette positività ed energia. È ideatrice di “Autlab: laboratorio per menti speciali”, autrice del libro “Borderline: tra Terra e Luna” e promotrice della Fondazione Tra Terra e Luna che ha l’obiettivo di informare, formare e diffondere contenuti sullo Spettro Autistico.

«Giulia, mia figlia, aveva due anni e mezzo quando i medici ci comunicarono la diagnosi: disturbo dello spettro autistico borderline. In quel momento vidi il buio». Ora Giulia ha dieci anni, frequenta la quinta elementare. Nella sua vita e in quella di sua mamma Roberta c’è un sole radioso. Roberta Salvaderi appartiene alla categoria di donne capaci di sorridere con gli occhi, sprigionando una luce intensa che fa stare meglio chiunque la incontri. Nonostante sia stata sin da subito messa a dura prova dalla vita, rimanendo sola fino all’età di tre anni quando ha trovato «due meravigliosi genitori» adottivi, ha maturato un carattere capace di trionfare sulle avversità: è positiva, volenterosa, energica. Lei non si ferma mai e si rifiuta di percorrere la strada in solitaria. «È normale per un genitore sentirsi terrorizzato difronte a una diagnosi di autismo – dice –. Anche io e mio marito ci sentivamo persi, ma poi abbiamo deciso di affidarci e di credere nella comunità di cui facciamo parte».

In questa storia gli altri sono una scommessa vinta e la più grande risorsa in cui investire. «Lavorando ogni giorno abbiamo fatto rete con la scuola, i compagni e gli altri genitori: Giulia è felice nella classe che frequenta e i compagni le corrono incontro quando la vedono». L’inclusione però non si raggiunge senza lottare. Tre volte alla settimana Giulia frequenta la terapia di gruppo presso la Fondazione Renato Piatti Onlus, centro specializzato in percorsi dedicati alla neurodiversità, e una mattina a settimana partecipa alla seduta con la logopedista, fondamentale per stimolare le relazioni sociali e gli scambi interpersonali.

Anche ai genitori tocca farsi in quattro. Attraverso un blog Roberta ha iniziato a condividere i progressi quotidiani di Giulia, diventando punto di riferimento per mamme e papà che, come lei, si sono trovati davanti al buio totale. Dalla volontà di migliorare la quotidianità scolastica di tutti i bambini neurodiversi, ha poi ideato AutLab, percorso didattico gratuito, riconosciuto dal MIUR, che ha fornito a oltre 7000 docenti strumenti utili per sviluppare piani educativi adatti alle necessità degli alunni autistici. Il 2022 è stato l’anno del primo libro, mentre il 2023 quello della nascita della Fondazione Tra Terra e Luna, promotrice di progetti di sensibilizzazione e inclusione. «In Italia sono circa 630.000 le persone con autismo e oltre 90.000 gli studenti con bisogni speciali: è chiaro che la neurodiversità riguarda anche la società, la scuola e il mondo del lavoro» dice Roberta, che mette anima e corpo in tutte le iniziative volte a costruire una rete forte tra terapisti, famiglie e scuole e a garantire un futuro migliore a Giulia e a chi come lei fa fatica a esprimere le emozioni. «Per mia figlia sono arrivata a salire in palcoscenico ed esibirmi in teatro!». Grandi sforzi per piccoli risultati nel quotidiano. «Un giorno l’ho vista sorridere e le ho chiesto come mai. E lei mi ha risposto: Mamma sorrido perché penso alle cose belle, tu non lo fai mai? Che vita triste! È lei ha insegnarci a vivere. Noi possiamo solo imparare a starle accanto».

Condividi